E se vi dicessimo che esiste un caffè al rum, ma non di quelli dove vengono aggiunti gli aromi, un caffè molto più pregiato… Esatto proprio così, avete capito bene. Stiamo parlando del Colombia Barrique Rum Fermentation, un caffè fermentato all’interno di botti di Rum, dal sapore elegante e raffinato.

Questo caffè ha origine nella regione di Caldas, in Colombia che dal 2011 è riconosciuta dall’UNESCO come “Cultural Heritage”.  La piantagione si espande su 222 acri compresi tra i 1350 e i 1470 metri di altitudine. Nello specifico si tratta di una piantagione per lo più esposta al sole. Questo terreno è ricco della cenere del vulcano Nevado del Ruiz, e la temperatura media è compresa tra i 21° e i 25°.

A rendere davvero unico questo caffè è proprio il suo processo di lavorazione, a cominciare dalla selezione, a mano, delle drupe, mediante il metodo picking.

In seguito il lotto viene poi processato con il metodo lavato, attraverso il quale i chicchi vengono messi in vasche di acqua, in cui rimangono per un massimo di 20 ore, subendo una specie di fermentazione capace di trasformare il caffè, rendendolo più fresco ed esaltandone l’acidità e i profumi.

Terminata questa fase, il caffè viene, successivamente, asciugato; l’asciugatura vine fatta inizialmente all’interno del silos, per poi essere terminata naturalmente su Marquesinas (essicatori solari).

Infine, tutto il caffè di varietà Castillo (dal gusto acido e fruttato), dopo essere stato selezionato per dimensione, viene messo in barili di rum (che abbiano contenuto la tafia per almeno otto anni), all’interno dei quali, rimane per circa 3 mesi.

Ma veniamo ora alla cosa più importante, il GUSTO!

All’assaggio il sapore è molto bilanciato: si percepisce inizialmente una nota di dolcezza, seguita poi dall’esplosione in bocca, delle intense note aromatiche del rum, che, piacevolmente, continuano a persistere anche nel retrogusto.

Che dire, un caffè dal gusto unico, e sicuramente non il solito di tutti i giorni.

Vuoi provarlo? Lo trovi qui!